Mercoledì 8 luglio ore 21.30 Fulvio Abbate presenta “Roma vista contro vento” (Edizioni Bompiani)

Mercoledì 8 luglio
ore 21.30
Fulvio Abbate presenta

“Roma vista contro vento”

mercoledì 8 luglio a 100 libri in giardino Fulvio Abbate presenta 'Roma vista contro vento'

Detestabile o solo da amare, quando la città ha due anime.

Per lo scrittore c’è una parte dei cittadini che vive nella “palude” attratta dai privilegi, e dai quartieri alti.

E poi ci sono quelli che animano una capitale anarchica e garibaldina.

Già il titolo del libro di Fulvio Abbate, “Roma vista controvento”, suggerisce che nella nostra città c’è un pelo e un contropelo, una gatta che si fa lisciare sul divano e un un’altra randagia che si muove nell’imprevedibilità, c’è un vento sciroccoso che incolla pensieri e cose in una mediocrità colpevole, e un altro vento, mosso dalla vita di tanta gente che prende le strade dal senso opposto e crea disordine, vitalità, intelligenza.

Fulvio Abbate si muove tra questi due mondi, uno che tende alla solidità immobile e rassicurante e un altro più piccolo e segreto, dove si rischia e ci si diverte mille volte di più. Abbate ha esaminato questi due universi a volte mescolati nelle stesse piazze e nelle stesse strade, eppure profondamente diversi, li ha indagati con l’occhio lucido del semiologo e del collezionista di impressioni, ha detestato il primo e amato follemente il secondo, ha tirato mazzate tremende sul conformismo romano e ha lanciato mazzi di fiori a chi ha camminato controvento, senza paura.

Il suo libro ci ricorda che esiste una Roma attratta inesorabilmente dai privilegi e dalle protezioni, è la Roma fascista, clericale, borghese, la Roma che arraffa, imbroglia, schiaccia, dove quelli che contano si conoscono e si proteggono, spesso è persino la Roma intellettuale dei salotti di sinistra, dove la cultura è il biglietto da esibire per un posto comodo, una tartina al caviale, una raccomandazione. È la Roma che tende a stringersi intorno a codici affermati, a compattarsi, a pietrificarsi nei suoi stanchi rituali.

La Roma che d’estate si sposta a Capalbio, che si applaude al Premio Strega, televisiva, politicante, codarda. Ai margini di questa palude zanzarosa, c’è però un’altra città, anarchica e imprevedibile, garibaldina, screanzata e coraggiosa, abitata da uomini e donne cresciuti qui o arrivati da ogni parte d’Italia per prendere e dare energie nuove. Sono tanti i medaglioni dedicati da Fulvio Abbate a questi romani controvento. Sotto i nostri occhi di lettori, riappaiono Califano e Renato Zero, Sironi e Ontani, Ettore Scola, Mastroianni, Moana Pozzi e Cicciolina, Jacovitti e Gregoretti, Schifano e Flaiano, Ciccio e Franco e Patty Pravo ancora tanti altri, geni come Fellini e festaioli come il grande Elvio, vero cardinale di ogni evento mondano, gentile dissipatore di se stesso. È solo grazie a loro che questa città ritrova la sua felicità, ci dice Abbate, loro sono l’avanguardia di un popolo che non si arrende alla noia e alle truffe, al grigiore perbenista e ai magheggi dei paraculi.

È livoroso e generoso, Abbate, disprezza con tutto il cuore e approva con tutta l’anima, sfugge da ogni ecumenismo pericoloso, da ogni blanda e vile indulgenza. Anche i luoghi sono pesati su questa bilancia inesorabile: la Roma dei quartieri alti e della politica è bombardata dalla sua feroce ironia, mentre la Roma di Testaccio, di Capocotta, della Tiburtina, della Garbatella è sollevata nel cielo della simpatia.

Insomma, una guida davvero particolare, scritta per ridare dignità e slancio a una città che ogni giorno rischia di arenarsi nella sabbia della convenienza, del malaffare, ma anche delle consorterie fintamente intellettuali, realmente meschine.

(recensione di MARCO LODOLI per Repubblica.it)

(Edizioni Bompiani)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...