Sabato 25 luglio ore 20.30 Ivan Talarico presenta “Ogni giorno di felicità è una poesia che muore” (Gorilla Editore)

Sabato 25 luglio
ore 20.30

Ivan Talarico presenta

“Ogni giorno di felicità è una poesia che muore” (Gorilla Editore)

Ivan Talarico a 100 libri in giardino

“La poesia è un’arma deleteria per chi non vuole ammettere che la sintesi allontana più velocemente dalla menzogna. La poesia è la cosa più vicina al silenzio, non è tale per poco, inizia e finisce in un attimo, è come una parola scappata da una bocca troppo chiusa. Per questo è sempre superiore, anche se superflua in un organismo sano” (dalla prefazione di Antonio Rezza).

Intervista di Maria Ausilio Gulino su www.nuovepagine.it

La scrittura di Ivan Talarico è surreale, noi lo abbiamo conosciuto attraverso la sua silloge Ogni giorno di felicità è una poesia che muoredove ha parlato di “astrazioni e distrazioni, d’incanti e disincanti”. Usa la parola mai a caso, del resto si occupa di musica e di teatro, dunque la collocazione di ogni sillaba all’interno di una parola assume un significato ben preciso. Incontrandolo ci ha raccontato di umorismo, del “sorriso beffardo” e di come è possibile lasciarsi vivere piuttosto che viversi ostinatamente.

Dalla sua silloge apprendiamo che si occupa di spettacoli e musica “paradossali”: cosa è il paradossale?
È l’estrema unzione del ragionamento. L’unico modo per far scivolare la logica nella vita.

L’umorismo in poesia: cos’è? Come si manifesta? A che pro?
Per me l’umorismo è sempre involontario, soprattutto in poesia. Si manifesta come una vaga forma di ironia, un sorriso beffardo che non vuole limitare le possibilità infinite di espansione del reale. O a volte vuol chiudere le parentesi fumose del pensiero.

Secondo lei cosa c’è oltre la realtà?
Un’altra realtà. E dietro un’altra ancora. Mondi inesplorati. Basta solo avere occhi e guardar bene.

In che modo si può vivere al meglio?
Forse basterebbe lasciarsi vivere invece che viversi ostinatamente. O abituarsi a morire di tanto in tanto, senza prenderci gusto.

Oggi la scrittura è accessibile a tutti, in che modo possiamo scegliere quella di qualità?
Scegliendo quella cresciuta nei pascoli più verdi, allevata con i mangimi migliori e selezionata con amore per noi.

Chi sono i suoi scrittori preferiti e i libri?
I miei scrittori preferiti sono tutti morti, purtroppo. E i libri preferiti già letti.

Cosa vorrebbe lasciare ai posteri?
Mi piacerebbe lasciare un retrogusto di rabarbaro. Vorrei che in futuro chiunque sentisse, dopo un sorriso o un pensiero, un vago sapore di rabarbaro sul fondo della bocca, pensasse a me.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...