Mercoledì 29 luglio ore 21.30 ‘La moderata bellezza’ Gaja Cenciarelli e Francesca Serafini dialogano di calcio e città eterna. Modera Giordano Meacci

Mercoledì 29 luglio

ore 21.30

La moderata bellezza

Gaja Cenciarelli, autrice del libro ROMA tutto maiuscolo come sulle vecchie targhe (Ventizeronovanta)

e Francesca Serafini, autrice di DI CALCIO NON SI PARLA (Bompiani)

dialogano di calcio e città eterna.

Modera Giordano Meacci

Gaja non vive a Roma. Gaja è Roma. Una Roma calda, accogliente e orgogliosa. Una città invisibile assediata da una città invivibile. Gaja diventa la cronista degli ultimi istanti di questa città destinata a scomparire come scompare lo Storico Negozio di Alimentari, costretto a chiudere per colpa dell’avidità umana, e dove avvengono gli incontri di personaggi che non si trovano uguali in nessun altro punto del mondo.

Gaja osserva e trascrive, nascondendo la sua tristezza dietro la leggerezza della sua ironia e l’eleganza della sua scrittura. È uno scontro. Da una parte il mondo letterario di una che ha la sventura di “lavorare coi libri”, dall’altra il fronte di chi si è formato nella vita di ogni giorno e che verso gli “intellettuali” mostra rispetto e diffidenza. Non sono solo anziani negozianti e baristi burini, ma anche nobildonne ignoranti.

ROMA tutto maiuscolo come sulle vecchie targhe (Ventizeronovanta) è un racconto orizzontale. Penetra nelle teste degli altri con un dialetto mimetico, condivide le stesse conseguenze materiali di una crisi che pare infinita e contro cui non c’è nulla da fare.

Nonostante sia spesso al centro di fatti di cronaca che spingerebbero al disamore, il calcio continua ad appassionare milioni di persone di tutte le età, di ogni classe sociale e di qualunque orientamento ideologico. Francesca Serafini – sceneggiatrice, linguista e tifosa di lungo corso – prova a domandarsi perché, in un libro in cui il calcio rappresenta soprattutto il punto di fuga per divagare sull’Italia degli ultimi vent’anni; sul suo linguaggio e sulle forme di intrattenimento dei nostri giorni, in un racconto che intreccia ricordi autobiografici, suggestioni letterarie e digressioni saggistiche su cinema, tv e altre più insolite fucine di occasioni di bellezza. E nel suo rotolare – aggregando vorticosamente frammenti – il pallone finisce per assumere le dimensioni di un macigno intenzionato a scagliarsi da un lato contro i luoghi comuni sul calcio e le donne; e dall’altro – non senza ironia – contro l’omologazione che minaccia le forme di narrazione contemporanee.

di calcio non si parla roma tutto maiuscolo

Francesca Serafini

alterna da anni alla scrittura creativa quella saggistica: tra le sue ultime pubblicazioni, ricordiamo L’italiano letterario: poesia e prosa (con Giordano Meacci, 2011), terzo volume della Storia della lingua italiana per immagini diretta da Luca Serianni; e Questo è il punto. Istruzioni per l’uso della punteggiatura (2012). Tiene abitualmente corsi di scrittura e lezioni universitarie in Italia e all’estero. È inoltre editor per diverse case editrici e consulente per la fiction per RSI.

Gaja Cenciarelli

Vive a Roma. Laureata in lingue, ha lavorato per anni in diverse case editrici e ora traduce dall’inglese narrativa e saggistica. È specializzata in letteratura irlandese e dei paesi anglofoni e scritture femminili. Caporedattrice di vibrisselibri, ha pubblicato racconti in antologie e riviste, e libri: Il cerchio (2003), Extra Omnes. L’infinita scomparsa di Emanuela Orlandi (2006), Sangue del suo sangue(Nottetempo 2011).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...